Risorsa mineraria di acque profonde – Wissenschaft.de

Risorsa mineraria di acque profonde – Wissenschaft.de
(Costruzione: ROV KIEL6000 / GEOMAR)

La pepita in questo scatto sembra un cavolfiore nero e marrone. In effetti, c’è un’importante risorsa di minerali nelle profondità marine dietro il tubero esotico.

Sono di colore bruno-nero, sferici oa forma di cavolfiore, crescono come al rallentatore e spesso sono lunghi solo pochi centimetri: noduli di manganese. Si trova in profondità oceaniche di almeno 4000 metri e copre il fondo del mare in enormi quantità. I più grandi depositi di noduli di manganese si trovano vagamente sul fondo dell’Oceano Pacifico. Decine di migliaia di tonnellate di tuberi sono già state scoperte in una sola regione del Pacifico centrale.

Sebbene i noduli neri abbiano un aspetto strano, come il campione di acque profonde abitate da spugne bianche nella nostra foto, possono diventare importanti: i noduli di manganese sono promettenti fonti di manganese oltre a rame, nichel, cobalto, zinco e altri minerali.

Questi blocchi di minerali potrebbero sorgere perché i minerali disciolti nell’acqua di mare hanno accumulato batteri di dimensioni micrometriche nel corso di milioni di anni. Il microrganismo agisce come un nucleo cristallizzante, migliorando la continua adesione di nuovi ioni metallici allo strato proteico sulla sua parete esterna. Nel tempo vengono creati nuovi strati metallici.

I minerali preziosi provengono dai noduli di manganese dai sedimenti marini e anche direttamente dalle rocce sotterranee. A causa della diffusa circolazione dell’oceano, l’acqua penetra nelle rocce porose sotto i sedimenti, in modo che il calore e le componenti chimiche vengano attirate dal fondo dell’oceano. I minerali penetrano nel fondo dell’oceano, nelle acque vicine alla terra e nei noduli di acque profonde sul fondo dell’oceano.

In qualità di fornitori di minerali naturali, i noduli di manganese aumentano i desideri: in aree con elevati depositi di materie prime – come la cosiddetta Clarion-Clipperton Fracture Zone, che si estende dal Messico alle Hawaii – la Germania, tra gli altri, ha già assicurato aree di licenza per profondità – estrazione in mare aperto per blocchi Raw. Ma l’estrazione mineraria nelle profondità dell’oceano è molto costosa e dannosa per l’ambiente. La raccolta dei noduli di manganese con l’ausilio di macchine di raccolta telecomandate eccita i sedimenti, provoca rumore e disturbo, distrugge e cambia il delicato ambiente degli animali per decenni.

Scienziati tedeschi hanno studiato a lungo le potenziali conseguenze dell’estrazione in acque profonde nella regione di Clarion-Clipperton nel Pacifico. Nell’ambito del progetto MiningImpact, si stanno ora imbarcando in una spedizione per valutare gli impatti dei composti aggregati e per trovare metodi di estrazione che riducano i danni all’ecosistema di acque profonde.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio