Principe Filippo: Belfast – proteste violente in Irlanda del Nord “rinviate” per rispetto – politica all’estero

Principe Filippo: Belfast - proteste violente in Irlanda del Nord "rinviate" per rispetto - politica all'estero

La notizia della morte del principe Phillips (99) Le violente proteste in Irlanda del Nord che andavano avanti da giorni erano state “rimandate” – eppure ci furono di nuovo rivolte!

Le proteste previste per venerdì nella capitale, Belfast, sono state annullate, come inizialmente detto in Irlanda del Nord. Nelle zone filo-britanniche, i manifesti chiedevano che le proteste venissero posticipate e sospese per il momento “in segno di rispetto per la regina e la famiglia reale”. Ma dopo un periodo di lutto deve continuare.

Tuttavia, alcune persone sono scese in piazza venerdì e hanno protestato. Secondo i resoconti dei media, i rivoltosi hanno sparato agli agenti di polizia nel nord di Belfast con bombe molotov e razzi, e alcuni hanno lanciato bottiglie e pietre contro gli agenti. Un’auto e bidoni della spazzatura sono stati bruciati. Secondo la BBC, altri agenti di polizia sono rimasti feriti.

Secondo il “Belfast Telegraph”, furono i gruppi più piccoli e isolati a continuare a “disturbare” l’anniversario della morte del marito della regina Elisabetta II (94).


Foto dalla capitale dell'Irlanda del Nord: venerdì sera anche a Belfast le auto hanno preso fuoco

Foto dalla capitale dell’Irlanda del Nord: venerdì sera anche a Belfast le auto hanno preso fuocoFoto: Jason Kerndoff / Reuters


Rivoltosi e manifestanti violenti hanno scagliato agenti di polizia

Rivoltosi e manifestanti violenti hanno scagliato agenti di poliziaFoto: Peter Morrison / AP

Ci sono stati violenti scontri a Belfast nelle ultime notti. I manifestanti hanno attaccato con pietre, fuochi d’artificio e bottiglie molotov e hanno dato fuoco alle auto. Almeno 70 agenti di polizia sarebbero rimasti feriti nel frattempo.

Il motore delle rivolte è stato il crescente malcontento per le conseguenze della Brexit, che è stata pienamente attuata il 1 ° gennaio. Il boicottaggio britannico rimane parte dell’Area commerciale europea per evitare i controlli alle frontiere con l’Irlanda, membro dell’Unione europea. Il cosiddetto Protocollo dell’Irlanda del Nord mira a prevenire frontiere difficili tra l’Irlanda del Nord e l’Irlanda per non mettere a repentaglio la pace raggiunta dopo la fine del conflitto dell’Irlanda del Nord. Invece, il carico deve ora essere controllato tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito.

I politici filo-britannici dell’Irlanda del Nord respingono con veemenza il Protocollo dell’Irlanda del Nord, poiché ha già portato a colli di bottiglia nell’offerta a causa dei controlli. Ma agli occhi di molti sindacalisti, i regolamenti hanno un impatto molto più ampio. Lo vedono come la creazione di confini all’interno del Regno Unito e quindi un tradimento da parte del governo britannico.

I disordini ricordano a molti nordirlandesi il conflitto in Irlanda del Nord, che ha ucciso circa 3.500 persone e che si è concluso solo nel 1998 con l’Accordo del Venerdì Santo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio