Pressioni da esplorare a gennaio

Pressioni da esplorare a gennaio

La decisione di Erdogan di non scendere a compromessi sulla questione S-400 potrebbe avere gravi ripercussioni per il settore della difesa turco nel suo complesso. Infatti, se le sanzioni statunitensi raggiungessero i tre anni, la produzione della difesa della Turchia potrebbe essere ridotta del 70%. (Foto del Ministero della Difesa turco tramite AP)

I piani del presidente turco Recep Tayyip Erdogan stanno portando al caos completo Sanzioni statunitensi contro l’industria della difesa del paeseDopo la loro promozione attraverso un ampio consenso interpartitico e un budget per la difesa al Congresso, prima che Joe Biden entrasse in carica. La mossa, oltre alle ovvie implicazioni a lungo termine per vari progetti nel settore della difesa della Turchia, mina completamente i piani di Erdogan di scendere a compromessi con il governo Biden entrante e tenta di “normalizzare” i mutui. Relazioni con paesi come Israele e Arabia Saudita.

Atene, da parte sua, sta incoraggiando un ulteriore rafforzamento dei legami con Israele, poiché domani in parlamento sarà presentata in parlamento la proposta della compagnia israeliana Elbit di costruire una base aerea internazionale a Kalamata, che fornirà nuovi jet coach M-346, tra cui l’italiano Leonardo. Allo stesso tempo, Atene si prepara a riprendere i contatti di ricerca dopo il 20 gennaio, tuttavia, con Berlino, che viene spinta ad accelerare.

In particolare, ha affermato che le sanzioni non dovrebbero essere compromesse sulla questione degli S-400. Fonti note dicono a “Q” che la possibile decisione di Erdogan potrebbe avere conseguenze di vasta portata per l’intero establishment della difesa turca. Il Congresso deciderà se rinunciare ad alcune di queste decisioni di vietare le licenze di esportazione USA-Turchia. Tuttavia, le stesse fonti stimano che se le sanzioni raggiungono i due anni, la produzione della difesa della Turchia sarà ridotta del 30% e se tale periodo raggiungerà i tre anni, la riduzione potrebbe arrivare fino al 70%.

Oltre all’impatto sul settore della difesa, le sanzioni di Washington sono state revocate dal Sig. Le storie che Erdogan sta finalmente cercando di informare la crescente amministrazione Biden creano seri problemi. Erdogan ha cercato a lungo di “attrarre” la Germania come destinazione attraente per gli investimenti e la manodopera a basso costo, il che si è riflesso in parte nella recente retorica del Consiglio europeo e nelle dichiarazioni pubbliche sul ruolo “costruttivo” dei funzionari turchi. Berlino, al contrario, come si dice, con altri europei. Il signor Erdogan ha anche contattato il cancelliere tedesco Angela Merkel venerdì, suggerendo che stava cercando di trovare modi per ridurre lo stress.

Allo stesso tempo, Erdogan sta inviando a Washington la foto di una Turchia in linea con gli interessi degli Stati Uniti contro la Russia in Libia, Siria e Nagorno-Karabakh. Allo stesso tempo, sebbene sia Benjamin Netanyahu sia Mohammed bin Salman siano molto scettici riguardo l ‘”accordo” del presidente turco, sta cercando di aprirsi a Israele e Arabia Saudita.

Mr. nella regione. È abbastanza chiaro che il gioco di Erdogan ha il solo scopo di isolare la Grecia dalle alleanze regionali – tanto – in cross-party – diligentemente sviluppate negli ultimi anni. In particolare, le relazioni con Israele sono state rafforzate da tre diversi governi (PASOK, ND-PASOK, SYRIZA-ANEL e ND).

Scudo difensivo

Ad Atene, tuttavia, si è deciso di accelerare il rafforzamento delle relazioni con tutti i partner regionali. Domani il ministro della Difesa nazionale Nicos Panagiotopoulos presenterà a una commissione parlamentare competente la proposta israeliana per la creazione di un centro internazionale di addestramento per l’aviazione a Kalamata. Si ricorderà che durante la visita del Primo Ministro Griagos Mitsotakis in Israele lo scorso giugno, la parte politica dell’accordo è stata elevata ad un livello molto alto. Il suo scopo è quello di fungere da hub internazionale per l’addestramento dei piloti da paesi come la Giordania, gli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti), l’Arabia Saudita e l’Egitto, purché sia ​​una parte politica della cooperazione regionale. Modelli.

Quando il contratto con l’italiana Leonardo divenne possibile, la manutenzione del velivolo da trasporto C-27 fu affidata al Sig. Panagiotopoulos sarà presente domani. Sarà inoltre fornita la consegna di 80 veicoli corazzati da trasporto truppe statunitensi M-117.

Si stima che progetti specifici continueranno presto, tuttavia Mr. Panagiotopoulos è in linea con il suo avversario francese Florence Barley per finire velocemente. Caso Raphael. La legge dovrebbe arrivare in parlamento dall’11 al 13 gennaio, dopodiché il revisore dei conti passerà in tribunale e la signora Barley sbarcherà in Grecia per firmare l’accordo entro la fine dello stesso mese. Ciò significa che entro quattro mesi verrà completato un processo, che a volte può richiedere anni. In questo momento Mr. Panagiotopoulos era in contatto con la signora Barley, che allo stesso tempo ha richiesto il coordinamento con Dassault, ma è stata utilizzata anche l’aeronautica francese, per 12 ha utilizzato Raphael.

L’elemento più importante dell’accordo riguarda le 12 lotterie usate, che sono in ottime condizioni, Mr. Secondo fonti note, le trattative di Panagiotopoulos non furono date. Il piano della signora Barley per questi quattro “è atteso con impazienza ad Atene”.[email protected]Non sarà più parzialmente sicuro per l’aria, ma multi-stock, cosa che cambierà in modo significativo il costo della loro distribuzione. In pratica, la nuova Marina Militare (PN) diventerà un campo di battaglia con due grandi “tiratori”, Francia e Stati Uniti.

Implicazioni per la Turchia

La portata delle sanzioni contro la Turchia potrebbe alla fine avere un impatto molto negativo sui vari programmi di armi di Ankara, poiché i progetti chiave della Direzione generale dell’industria della difesa (SSP) sono anche i più esportabili della Turchia (ad esempio, gli UAV). Secondo un’analisi del Congressional Research Service (CRS), le sanzioni non interesseranno i contratti esistenti, ma potrebbero interessare “circa 2 miliardi di dollari in potenziali posti di lavoro”.

L’analisi sottolinea che le sanzioni potrebbero “impedire la cooperazione USA-Turchia ed Europa-Turchia nello sviluppo di sistemi d’arma avanzati”. È imperativo che la Turchia accetti la revoca delle sanzioni, o che “la prossima generazione di militanti debba tornare a fornitori alternativi come la Russia o (forse) il Regno Unito”. Gli analisti registrano la presenza militare statunitense in Turchia nelle seguenti località: NATO Land Command a Izmir, Istanbul Rapid Response Force, Ankara Security Cooperation Office (Ambasciata degli Stati Uniti) e sito Inglik. Inoltre, la Marina degli Stati Uniti utilizza il porto di Mersin, mentre alla base di Cura o ao (vicino a Tireburg), il personale statunitense gestisce il radar di difesa missilistica situato lì. Gli analisti affermano che le sanzioni potrebbero anche influenzare la stabilità economica della Turchia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio