Mongler: Ha cacciato dalla preda

Mongler: Ha cacciato dalla preda

Lunedì 14 dicembre 2020, ore 09:00

;

Lunedì scorso, è stato annunciato che Mangler (Monkimilan), uno dei principali produttori italiani di abbigliamento invernale di lusso per attività all’aperto, aveva accettato di acquistare un articolo simile a Stoneland, in Italia, per 1,15 miliardi in contanti. L’accordo ha sorpreso il mercato azionario, poiché il nome di Mongler è stato chiesto più volte in passato come potenziale obiettivo per acquistarne uno in un grande mercato di beni di lusso. Un anno fa, infatti, Remo Rafini, azionista chiave e amministratore delegato della società, ha pubblicamente riconosciuto di essere coinvolto nelle discussioni su una possibile collaborazione con Kering.

Ma chi è Mangler, chi è Remo Rafini? Moncler è stata fondata nel 1952 a Grenoble, in Francia, molto vicino alle Alpi francesi, e si occupava della produzione di abbigliamento invernale, principalmente cappotti. La prima donna a realizzare una giacca di nylon nel 1954, è diventata così famosa che ha fornito i suoi abiti a molte delle escursioni e delle squadre che hanno partecipato alle Olimpiadi invernali. Nonostante i suoi prodotti di successo, la sua posizione finanziaria non era molto buona e nel 2003 è arrivata sull’orlo del fallimento. Andò nelle mani del 42enne Rupini, già consulente creativo dell’azienda. Rubini è cresciuta nel settore dell’abbigliamento perché i suoi genitori possedevano due aziende di abbigliamento e ha fondato il New England all’età di 23 anni, che ha venduto a Stephen dopo 16 anni. Sotto la sua guida l’azienda si trasformò davvero, il fatturato iniziò a crescere costantemente e il nome Mangler fu stabilito per essere sinonimo di abbigliamento invernale di lusso e funzionale per uso esterno.

Il fatturato nel 2003 è stato inferiore ai 100 milioni di euro l’anno, quando l’azienda si è quotata in borsa a Milano nel 2013 aveva già raggiunto i 600, e nel 2019 ha superato 1,6 miliardi di euro. La sua internazionalizzazione ha contribuito a un aumento costante delle vendite, raggiungendo il 44% delle vendite totali nel 2019 al di fuori degli Stati Uniti e dell’Europa. L’aumento delle vendite è accompagnato da margini di profitto molto elevati e da un forte flusso di cassa. I margini di profitto netti sono circa il 30% delle vendite, il che può far ingelosire anche l’industria dei beni di lusso perché solo la francese Hermes raggiunge prestazioni simili. di. Nel 2018 ha iniziato a implementare il progetto Genius, cessando di collaborare con i suoi due designer principali e stabilendo una presentazione mensile delle sue nuove creazioni prodotte da otto diversi team designer. In questo modo, le presentazioni delle nuove “collezioni” non sono tradizionali, ma attraverso i social network, come avviene in occasione di eventi come feste in cui compaiono tutti i tipi di celebrità, quindi cerca di rimanere in contatto con i propri clienti e ottenere di più. un.

Alla domanda sulla sua decisione di acquisire Stone Island, Roubini ha affermato che la fusione delle due società è stata il modo migliore per creare valore. Una rapida occhiata a Stone Island mostra che potrebbe avere ragione. Stoneland produce abbigliamento invernale e gioielli solo per uomini, e si rivolge principalmente ai giovani. È molto più piccolo di Mangler, con un fatturato di circa 240 milioni entro il 2020, e utilizza nuovi metodi di approccio ai clienti come Moncler. La logica per la fusione delle due società è semplice: la migliore rete di vendita al dettaglio di Moncler StoneIsland promuove abbigliamento e gioielli in modo più efficace, facendo affidamento sulla rete di vendita di altre società finora e migliorando insieme le loro reti di vendita di elettronica. Il target principale sembra essere un pubblico giovane, che, secondo gli istituti di ricerca, stima che la maggior parte delle vendite di beni di lusso in futuro sarà inferiore ai 45 anni, il che non è il caso.

A seguito dell’acquisizione, la famiglia Rivetti, che attualmente controlla Stone Island, investirà una parte del prezzo per acquistare azioni di Moncler e acquisire una quota del 4% nella società, mentre il presidente della famiglia Carlorvetti sarà membro del consiglio. Questo dimostra che le famiglie Rubini e Rivet (almeno per ora) vogliono lavorare insieme e far crescere il nuovo Mangler. La crescita costante di Moncler e Stone Island negli ultimi anni, i loro ampi margini di profitto, l’internazionalizzazione di successo e la loro missione di raggiungere nuovi clienti utilizzando metodi di sviluppo prodotto moderni offrono al progetto un’opportunità di successo. Mostra anche che le azioni di Moncler, che hanno aumentato il loro valore di mercato a 12 miliardi di euro subito dopo l’annuncio dell’acquisizione, sono salite ai livelli storicamente elevati di 47,58 euro. La grande domanda sul mercato se l’acquisizione avrà successo è legata ai piani a medio termine di Rubini. Sceglierà di vendere l’attività a uno dei colossi della moda o cercherà di seguire una tendenza simile a quella di Hermes, ora che è al potere, a un prezzo molto migliore di quello che Kering gli ha offerto un anno fa? LVMH ha fermamente respinto il tentativo di acquisizione di alcuni anni fa, automatizzando la qualità (e il prezzo) dei suoi prodotti, che porterà enormi profitti ai suoi azionisti.

È difficile prevedere cosa accadrà e spesso Rafini non lo sa. Possiamo prevedere che le azioni Mangler continueranno a comportarsi meglio, indipendentemente da ciò che decide Rubini.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio