“Molti santi a Newark” al cinema: cosa è successo prima di “I Soprano”

“Molti santi a Newark” al cinema: cosa è successo prima di “I Soprano”
  • Daniel Kuthenshult

    a partire dalDaniel Kuthenshult

    Chiudere

La storia della serie TV “The Sopranos” come un’epopea di gangster non poteva piacere: “The Many Saints of Newark” non è molto originale.

Nella civilizzata Europa centrale, ci sono voluti fino ai coloratissimi anni ’80, perché il postmodernismo si scatenasse, perché qualcuno finalmente osasse dire: un po’ non è di più, ma di più. Questa saggezza sarebbe stata tradita da Tony Soprano molto tempo fa – se non fosse stato per l’invenzione del patriarca gangster della serie TV “I Soprano” alla fine degli anni novanta. ancora ancora ancora; Non era mai sufficiente per le crescenti esigenze del proprio clan e dell’intera famiglia gang. Non c’è da stupirsi che il personaggio di James Gandolfini abbia frequentato la psicoterapia fin dal primo episodio.

“The Many Streets of Newark” svanisce nei giorni dell’adolescenza di Tony Soprano, interpretato dal figlio di Gandolfini, Michael, nato lo stesso anno in cui è apparsa la serie TV, il 1999. E poiché i gangster di strada non sono gli unici ad amare le dinastie, i loro genitori ‘Soprano’ Holding the Mace: l’inventore David Chase ha scritto la sceneggiatura con il veterano sceneggiatore Lawrence Conner. Come per diversi episodi, Alan Taylor ha diretto il film. Per molto tempo, Chase ha respinto i potenziali sequel come se nulla dovesse mescolarsi con il rimbalzo dalla dissolvenza al nero alla fine dell’episodio finale.

La strada verso il grande schermo lascia intatta in questo senso l’eredità di una delle serie TV più influenti. Ma porta anche a un contesto nuovo, esigente. Indubbiamente, i fan della serie affolleranno anche al cinema, ma questo prequel ora deve affermarsi nella tradizione dei grandi episodi di gangster – nella tradizione di Francis Ford Coppola, Martin Scorsese, Sergio Leone o Quentin Tarantino.

L’attrezzatura almeno regge il confronto almeno con il film successivo di Scorsese, quando il caldo film dai toni marroni conduce in un’era profondamente turbolenta: sullo sfondo delle rivolte durante la lotta per i diritti civili alla fine degli anni ’60, anche la cultura degli immigrati italiani appare in un diverso leggero. Per quanto implacabili come i gangster italo-americani impongano il loro stile di vita, non c’è bisogno di temere alcuna discriminazione. A differenza degli afroamericani che ora combattono per i loro diritti nelle strade. Se un dirigente bianco ora criminalizza la sua lotta per la libertà, il crimine dei gangster neri viene deliberatamente messo insieme.

Cosa manca di più

Ma puoi davvero ancora usare la storia delle proteste per i diritti civili come sfondo della tradizionale saga delle bande bianche nel 2021? In ogni caso, gli eroi neri mancano gravemente di questa rapida successione di contenuti della serie – apparentemente – superficiali, mescolati con una prospettiva apparentemente multi-prospettiva.

Il personaggio centrale è Dicky Moltisanti (Alessandro Nivola), il padre di Christopher Moltisanti, ammirato dal giovane Tony Soprano. Dicky, invece, sta lavorando al padre violento, interpretato da Ray Liotta con un posto vacante di talento. Quando ha portato una sposa giovane e attraente dalle vacanze in Italia, tutte le basi per l’imminente omicidio di un genitore erano state poste. In effetti, la brutale escalation delle proteste di strada si è rivelata il travestimento perfetto per nascondere le persone sgradevoli.

Questo riduce anche questa prospettiva storica a una costruzione provvisoria di una storia di gangster che non è davvero originale. Due ore di riproduzione sembrano una compilation di una versione molto più lunga, non saresti sorpreso se apparisse su un canale di streaming per il prossimo futuro.

Attualmente ci si può preoccupare del futuro del cinema data la popolarità di Netflix e Co. Questo è un esempio di un format ibrido sfortunato che non convince molto né come cinema né come arte televisiva. O è solo un pilota per una prossima serie a episodi? Tutto sembra fattibile e utilizzabile, ma lontano dalla fama che i Soprano godono come serie TV fino ad oggi.

Molti santi a Newark. USA 2021. Regia di Alan Taylor. Con Alessandro Nivola, Michael Gandolfini, John Berthal e Vera Farmiga. 120 minuti

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio