Mobilità – Storie di biciclette storiche – Wiener Zeitung online

Mobilità – Storie di biciclette storiche – Wiener Zeitung online

Nessun gas di scarico L’avvocato Max Eugen Burkhard, amante della cultura della Bassa Austria che ha avuto una carriera illustre negli anni ’90 dell’Ottocento, perfezionò la prima sezione di “Aurelia” sulla costa ligure dopo aver perso il lavoro di regista del teatro Burg a causa di varie trame. A differenza di Pier Paolo Pasolini nel 1959 e di Pepe Danquart nel 2019, i cui lunghi viaggi in macchina sono documentati nel film “Prima di me il sud”, Burkhard ha guidato la Genova-Ventimiglia verso nord e poi 61 anni prima dell’uscita di Bologna e principalmente da solo. La moto ha continuato a Nizza.

Nel dipartimento del Var sulla Côte d?? Azur, è andato un po’ a ovest. A Porto San Maurizio, in quella che oggi è la provincia di Imperia, il ciclista solitario si è dedicato alle persone che lo circondavano con occhi e orecchie aperti. Lodò i pregiati vini lombardi e liguri e riconobbe la saggezza e l’arte di vivere che sono alla base della presunta lentezza degli abitanti della costa.

fotografia dal vivo

Burkhard scrisse il suo rapporto a Nizza e lo pubblicò nell’edizione mattutina della “Neue Freie Presse” il 7 ottobre 1898. Il professore universitario era colto, come mostrava una nota postuma in diversi quotidiani dell’ottobre 1912. Dopo la morte di Burkhard il Il 16 marzo 1912 si tenne a Vienna l’asta di una commessa Libri Hugo Heller con non meno di 2.930 volumi nel novembre dello stesso anno.

L’autore dei libri è morto all’età di soli 57 anni. A causa del suo declino fisico e mentale, notato anche da amici come Arthur Schnitzler, Hugo von Hoffmannstall e Joseph Ridlich, il dinamico docente e tutore privato del principe ereditario Rodolfo si ritirò a Wolfgangsee nel 1910 dopo aver trascorso più di un decennio come giudice presso il Tribunale Amministrativo.

Quando Burkhard spedì la sua bicicletta all’allora privata Südbahn alla fine dell’estate del 1898, era un uomo noto ma non indiscusso. Il regista teatrale provvisorio e avvocato di fama mondiale è una delle figure più originali della Vienna Law School. La Rubrica di Lehmann del 1900 lo mostra in pensione come preside dell’Hof Burgthether e come consigliere del tribunale amministrativo e docente. Dopo aver lavorato per il Ministero della Pubblica Istruzione, Burkhard ha assunto come regista teatrale dopo Adolf Sonnenthal dal 1890 al 1898, che ha portato a grande malevolenza tra i contemporanei. Lingue furiose hanno affermato di essere stato ospite al Burgtheater solo due volte prima di assumere la direzione. Argomento sbagliato, perché Burkhard aveva già fatto domande sul teatro da giovane e poteva assumere una squadra di registi esperti.

Oltre alle commedie di Ibsen, il “Liebelei” (1895) di Schnitzler fu portato in scena per la prima volta dal giurista, che fece alzare i circoli aperti e prenderne atto, ma amareggiò alcuni membri della dinastia. Il contatto con Schnitzler portò a stretti contatti, poiché era l’appartamento della madre di Schnitzler, dove anche il laringologo e il drammaturgo vivevano temporaneamente come giovane assistente medico, a Frankgasse 1, residenza a lungo termine di Burkhard a Vienna. Nella sua raccolta Quer durch Juristerei und Leben, pubblicata nel 1905, Burkhard si mostrò un commentatore di mentalità aperta e modernista su questioni contemporanee. Una raccolta di articoli sui percorsi formativi delle donne, le biografie e il diritto del teatro.

Nel suo articolo della “Neue Freie Presse” parla del tour in bici che ha fatto da Genova verso Nizza in estate. La descrizione aneddotica e vivace rende chiaro che molti dei luoghi descritti da Burckhard esistono ancora oggi e che questa zona merita sicuramente un lungo giro in bicicletta.

I paesi liguri e lombardi ai piedi dell’Appennino si presentano oggi come il paradiso dei ciclisti. Imperiano è anche il ciclista Cristiano Salerno, classe 1985, che non ha mai vinto un Giro, ma è riuscito in Giappone e in Catalogna. Ma Burkhard, nato a Kornauburg nel 1854, può essere considerato oggi un pioniere, a tutti gli effetti, l’imponente campionessa olimpica di ciclismo ai Giochi estivi di Tokyo e la matematica Anna Kissenhofer, nata 30 anni fa a Kirchdorf an der Krems e a Niederkreuzstetten vicino Mistelbach.

Un tour in bicicletta della costa ligure d’Italia fino alla Costa Azzurra nella provincia francese del Var sarà ancora oggi una sfida per gli amatori, anche se il percorso scelto da Burkhard è appena fuori dalla A12 e l’ex collegamento principale sulla costa ha stata abbassata alla “strada provinciale”.

sabbia e buche

Ma anche i ciclisti professionisti sono sempre stati rispettosi delle curve strette e degli incontri ombrosi; Perché anche se la pista è chiusa a causa delle corse, è spesso circondata da spettatori irriducibili, come è tipico delle grandi gare alpine come il Giro d’Italia, il Tour de France o la Vuelta spagnola. E il pendolare contemplativo in bicicletta deve fare i conti con roulotte, motociclisti e camion, ed è un affare pericoloso.

Dipinto sull'antica strada romana via Aurelia a Genova-Ventimiglia - © Tangopaso, Public Domain, via Commons Wikimedia

Dipinto sull’antica via romana Via Aurelia a Genova Ventimiglia

– © Tangopaso, di pubblico dominio, tramite Wikimedia Commons

All’epoca non erano le auto a mettere a rischio i ciclisti, ma piuttosto le curve scomode, le barriere ferroviarie costantemente chiuse (bisognava suonare tu stesso il campanello e chiedere di essere aperto!) e le sabbie alla deriva del Mar Ligure sulla strada – accanto alle buche, che esistono ancora oggi in alcuni punti. L’avvocato e autore si è ben preparato per il viaggio in Liguria e ha studiato la guida dell'”Unione Velocipedistica Italiana”. Questo metteva in guardia dalle curve confuse e dalla scarsa pavimentazione dell’antica strada romana “Aurelia” che accompagnava la costa ligure e dai panorami più belli Riviera delle Palme e il riviera fiori A Sanremo spettacoli.

Burkhard perse il coraggio per poco tempo e portò la sua “bicicletta” sul sedile accanto a un’auto scoperta a Genova e fu portato a Pegli. Ma ben presto si rese conto che gli avvertimenti dell’Associazione Ciclistica Italiana erano esagerati. Anche la clip da Genova a Bigley, descritta come orribile, si sarebbe potuta fare in sella invece che sul sedile posteriore di un’auto a noleggio con la coscienza a posto. Dopo mezz’ora di macchina, ha tolto la bicicletta dal retro dell’auto, l’ha caricata, l’ha sellata e si è goduto la splendida, anche se faticosa, vista lungo la Riviera, dove è andato a nuotare e ha visitato due isole al largo e si è goduto il mite vini della regione. Poi è arrivato a Nizza sotto la pioggia.

Come Arthur Schnitzler, che guidò “la bicicletta” attraverso le foreste di Vienna, e Hugo von Hoffmannstall, che partì per un tour della Svizzera romanda e della Francia meridionale da Ginevra nel 1898, Burkhard era un appassionato ciclista. E considera di espandere i percorsi in una fase iniziale, come mostrato in un altro suo articolo. Con il titolo “Sulla filosofia della bicicletta” (“Die Zeit” del 30 giugno 1900), Burkhard riprese dapprima l’omonimo libro di Edward Bertz, e poi diede suggerimenti pratici, come la creazione di percorsi stradali asfaltati lungo la ferrovia Linee. Dimostrò che le preoccupazioni per la sicurezza erano spesso solo finte e si rese conto che come ciclista si incontrano spesso passanti indisciplinati, che all’epoca leggevano sfacciatamente i giornali per strada e i cui pronipoti ora fissavano i loro telefoni cellulari e bloccavano la bicicletta . tracce nel processo.

teoricamente valido

Il suo accenno che subito dopo la costruzione della Ringstrasse ci fosse una pista ciclabile molto più ampia di quella che c’è oggi è di interesse storico. Nel suo contributo a “Die Zeit” scrive: “A Vienna, a quel tempo, ai ciclisti veniva offerta la possibilità di ridisegnare la poco utilizzata Reitallee lungo la Ringstrasse. Si prevedeva fortuitamente che questo progetto incontrasse con successo l’opposizione di alcuni ambienti .”

E a proposito di lobbying: sono stati istituiti circa 1.890 nuovi gruppi di interesse e club di motociclisti e sono state documentate grandi corse. Il capitano austriaco Prochaska percorse più di 1.200 chilometri a temperature estreme durante un viaggio in Bosnia nel luglio 1894, come riportato dalla rivista “Sport & Salon” il 7 luglio 1900. Non mancavano inoltre i fondamenti teorici, il valore sanitario e ambientale del trasporto è stata riconosciuta Emissione anticipata. La formula di Bertz era: “Immergiti nella natura”, e questa è la vera filosofia della moto, secondo Burkhard.

Nel 1889, il tecnico di Graz Adolf Hochenegg attirò l’attenzione sull'”aspetto etico del ciclismo” con un saggio di trenta pagine. Lo studio tiene conto degli aspetti economici, sociali e psicologici nazionali, introduce i termini “Radrealista” e “Radialista” e affronta in modo originale le lamentele, compresi i prezzi “non realistici” delle biciclette. A quel tempo, marchi come Victoria erano rappresentati dalle proprie filiali a Vienna, e Burckhard poteva acquistare la sua bicicletta a due passi dal centro della città, in Elisabethstrasse.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio