Materiale fungo fonoassorbente sostenibile – Wissenschaft.de

Materiale fungo fonoassorbente sostenibile – Wissenschaft.de

I ricercatori hanno abilmente sfruttato il potenziale naturale: con l’aiuto dei funghi, i ricercatori hanno creato strutture di materiali avanzati che possono sostituire le schiume sintetiche come fonoassorbenti. A tale scopo, le strutture vengono prima prodotte da rifiuti organici utilizzando il processo di stampa 3D, che viene poi coltivato attraverso una rete di funghi e stabilizzato. Il materiale può quindi essere sterilizzato mediante riscaldamento e utilizzato. Oltre a progettare assorbitori acustici sostenibili, i ricercatori stanno attualmente esplorando il potenziale del processo per produrre altri materiali funzionali.

Vicini rumorosi, rumore della strada, colleghi chiacchieroni … come è noto, l’inquinamento acustico può avere un forte impatto negativo sulla nostra salute e anche la piacevole acustica delle stanze gioca un ruolo importante per il benessere umano. Al fine di influenzare la diffusione del rumore, i componenti fonoassorbenti vengono utilizzati in molti campi. Tuttavia, le schiume di poliestere oi compositi a base di fibre minerali in uso finora non possono essere prodotti in modo sostenibile e non possono essere facilmente riciclati. Pertanto, sono necessarie alternative rispettose dell’ambiente.

L’alternativa: “fabbricazione di funghi”

Da qualche tempo, gli scienziati del Fraunhofer Institute for Environmental Technology, Safety and Energy (UMSICHT) stanno ricercando possibilità per la produzione di materiali ecocompatibili con l’aiuto dei funghi in collaborazione con il Fraunhofer Institute for Building Physics IBP. “Come parte dello sviluppo del materiale, ci concentriamo sui substrati delle piante e sui funghi micelio”, afferma Julia Krayer di UMSICHT. Il progetto “FungiFacturing” non riguarda l’utilizzo di materiali da corpi fruttiferi che comunemente associamo alla parola fungo. D’altra parte, gli scienziati utilizzano la rete ramificata su larga scala di questi organismi: il fungo è una delicata rete di cosiddetti filamenti che, nel caso dei funghi, crescono sottoterra o penetrano in materiali biologici e si decompongono.

Per utilizzare il micelio come componente strutturale nei materiali, i ricercatori hanno permesso che si sviluppasse in strutture prefabbricate fatte di materiali biologici che servono il fungo come cibo. Per fare questo, creano un substrato di paglia, legno e scarti della produzione alimentare e lo mescolano con tessuti fungini viventi. Questa miscela agisce quindi come un “inchiostro” per la stampa di oggetti complessi. Quindi le strutture vengono sottoposte alle condizioni di crescita ottimali per il fungo. “I filamenti di micelio crescono quindi attraverso l’intero substrato, formando una struttura solida”, spiega Craer.

I funghi trasformano i rifiuti biologici in materiali intelligenti

Dopo essere penetrato nella rete e incollato al substrato inizialmente relativamente sgretolato, il prodotto viene essiccato in un forno per uccidere i funghi. I materiali creati in questo modo hanno proprietà porose con effetti fisici speciali. Gli scienziati hanno riferito che l’utilizzo di una stampante 3D nella produzione del substrato consente una struttura porosa pre-pianificata in grado di assorbire il suono in modo ottimale, rendendo il materiale adatto all’uso come fonoassorbente.

Attualmente stanno producendo vari prototipi dell’assorbitore acustico sostenibile in fase di test presso il Fraunhofer IBP. Gli scienziati hanno confermato che questo processo può persino produrre assorbenti acustici che superano i prodotti attualmente disponibili in alcuni aspetti. “La struttura rigida attraverso la quale cresce il micelio potrebbe rendere possibile in futuro l’assorbimento acustico costituito da strati significativamente più sottili”, afferma Roman Walk del Fraunhofer IBP di Stoccarda.

Come hanno finalmente confermato gli scienziati, il potenziale di un materiale a base di funghi va oltre la zona acustica: stanno già lavorando su metodi per produrre elementi o materiali termoisolanti come pelle di funghi, tessuti e plastica. I ricercatori affermano che un giorno vestiti, mobili o custodie per elettrodomestici potrebbero essere realizzati con materiali ecologici prodotti utilizzando la tecnologia naturale.

Quelle: Società Fraunhofer

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio