Mar di Marmara a causa del “muco marino” “Il Mar Morto è adesso”

Mar di Marmara a causa del "muco marino" "Il Mar Morto è adesso"

Le specie scompaiono, la pesca diventa impossibile: l’ecosistema è minacciato dal fango del Mar di Marmara. Il professore avverte ora della diffusione della melma marina.

Serie di foto con 11 foto

Il disastro del fango marino nel Mar di Marmara turco ha avuto un impatto significativo sull’ecosistema del mare interno. “Nel complesso, il 60 percento delle specie è già scomparso”, ha affermato il biologo marino Levent Artoz.

Nel maggio 2021, il disastro di fango è chiaramente scoppiato nel Mar di Marmara. Il fango affiorava in molti punti, si depositava sulla costa e talvolta rendeva impossibile la pesca ai pescatori.

La massa appiccicosa è il prodotto della secrezione di alcune alghe. Prima o poi si depositerà sul fondo del mare. Secondo gli esperti, le alghe si riproducono attraverso alte temperature, liquami non trattati scaricati direttamente in mare e basse portate.

Conseguenze negative per gli organismi viventi

Ciò ha conseguenze negative, soprattutto per gli organismi che vivono sul fondo del mare. La crescita delle cozze sta rallentando e i coralli molli ricoperti di fango non possono fare il loro vero lavoro, cioè filtrare l’acqua, ha detto Ekin Akoglu, un biologo marino dell’Università turca di Odtu. A lungo andare, la mancanza di ossigeno riduce anche lo zooplancton nell’acqua, di cui molti pesci si nutrono.

Anche se la melma non è emersa visibilmente da agosto, il disastro non è affatto finito, ha affermato Mustafa Sari, professore di gestione delle risorse idriche presso l’Università turca di Bandirma Unidi Eylul. Gli strati sono sprofondati e hanno iniziato a decomporsi. La decomposizione della melma marina consuma, tra le altre cose, l’ossigeno nell’acqua, che a sua volta porta alla formazione di nuovo fango marino.

Paure della diffusione del muco in altri mari

Le condizioni sono particolarmente favorevoli a ottobre per un nuovo focolaio, ha affermato Sarri. Quindi si aspetta che la melma sarà di nuovo visibile in superficie a novembre. Artoz, ad esempio, teme la diffusione della melma nel Mar Nero e nel Mar Egeo e avverte di una crisi ambientale regionale. Insieme a 20 esperti, Artoz ha monitorato la diffusione della peste in 450 punti dall’inizio dell’anno. Il fango marino ha “irreversibilmente” danneggiato l’ecosistema del Mar di Marmara.

Il governo ha risposto all’epidemia a maggio e ha spazzato via parti della melma. Tuttavia, gli esperti concordano sul fatto che queste misure non siano sufficienti. Artoz afferma che lo scarico delle acque reflue non trattate dovrebbe interrompersi immediatamente. “Dopo tre decenni di forte inquinamento, il Mar di Marmara è ora un mare morto”. Sperava che le acque circostanti non avrebbero affrontato un futuro simile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio