L’ex presidente federale Alfred Cusanbaur (SPÖ) ha negato qualsiasi coinvolgimento nella questione fiscale novometrica in Italia. “Non agisco in Italia in questo caso”, ha detto venerdì sera Kusanbaur in una telefonata con l’APA. Secondo una dichiarazione ufficiale dell’Ufficio del procuratore generale per l’economia e la corruzione (WKStA), i rappresentanti della novomotica non solo hanno contattato i politici dell’ÖVP, ma hanno anche scritto e-mail a Kusanbauer.

L’ex politico ha dichiarato di aver ricevuto e-mail e potrebbe essere stato a conoscenza di problematiche legate alla novomotica in Italia. Tuttavia, le sue responsabilità presso la società di giochi erano diverse. “Il mio lavoro di consulenza per aziende novatic in America Latina, Europa orientale e Balcani occidentali”, ha spiegato Kusanbaur. Ha sottolineato che la lettera non era un segnale di un’indagine formale antitrust sulle accuse, ma piuttosto un segnale di un’indagine formale antitrust sulle accuse. Non voleva commentare la causa di Bloom.

Una nota ufficiale di WKStA dal dicembre 2020, pubblicata dalla rivista online zackzack.at, cita tre mail a Kusanbauer da parte di manager novometrici. “Signor Alfred, per favore.

Il giorno dopo, tuttavia, l’allora nomatico CFO Peter Stein disse all’ex presidente federale che Pierre Carlo Badon, ministro delle finanze italiano, faceva parte del campo di Matteo Renzi e che c’era un conflitto interno all’interno dei Democratici con Romano Prodi sul Monte. Banca dei Paschi di Siena è. Brody è considerato il confidente di Kusanbauer. Tra gli altri, i due stanno facendo una campagna congiunta per l’Ucraina, ricevendo denaro da Prodi Kusanbauer.

Da: Ab