Italia: il movimento a cinque stelle fa esplodere 15 membri del Senato

Italia: il movimento a cinque stelle fa esplodere 15 membri del Senato

Il nuovo governo italiano guidato da Mario Draghi sta provocando forti tensioni all’interno del partito più potente del Paese. Il movimento a cinque stelle, che ha più rappresentanti sia al Senato che alla Camera dei Deputati, ha ora deciso di intraprendere un’azione drastica.

Dopo il primo voto di fiducia al Senato, il partito ha ritirato i suoi 15 membri dalla commissione parlamentare. Vito Grimi, leader ad interim del Partito Popolare, ha annunciato su Facebook che queste sono le persone che hanno votato contro il governo del nuovo premier italiano Troki, che ha votato a Roma.

Ha chiesto la rimozione dei presidenti delle commissioni parlamentari dalla commissione parlamentare in conformità con la legge. Prima del voto, il movimento a cinque stelle aveva concordato a livello nazionale in un’elezione per sostenere il gabinetto di Drake. Tuttavia, la controversia è continuata dopo.

Drake può contare su un grande supporto

Mercoledì, Tracy ha espresso una netta maggioranza al Senato. Per l’ex presidente della Banca centrale europea (Bce) e dei suoi piani, mercoledì sera hanno votato 262 senatori, con soli 40 voti e due contrari.

Il leader del partito Grimmie ha insistito su Facebook che era difficile scendere a compromessi. In questo caso, però, la decisione a favore di Drake è stata presa nell’interesse dei cittadini italiani.

Il referendum sul nuovo governo determinerà chi sarà nella maggioranza del governo e chi sarà in futuro all’opposizione. Secondo Grimmie, 15 membri traditori del partito sono ora “contrari” dal loro comportamento di voto.

Il Movimento Cinque Stelle è una forza forte nel Parlamento italiano. Nel 2018, ha ricevuto più del 30% dei voti alle elezioni. L’espulsione di 15 membri non cambierà la posizione del partito come forte commissione parlamentare al Senato.

Nel movimento a cinque stelle, ci sono quattro ministri nel gabinetto di Drake – incluso il ministro degli Esteri Luigi de Mio. Nei colloqui di studio che hanno avuto luogo prima della formazione del gabinetto, il partito ha sottolineato alcune richieste come la creazione di un ministero per il cambiamento ambientale. Tracy obbedì.

Giovedì sera l’ex capo dell’ECP vuole affrontare un secondo voto di fiducia alla Camera dei deputati, la più grande delle due camere del parlamento. La maggioranza è considerata ferma per lui. Questo è l’ultimo ostacolo che Tracy deve affrontare costituzionalmente da quando è entrato in carica sabato.

Icona: vetro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio