Il presidente del Consiglio dell’UE deplora il comportamento nel caso “SofaGate”

Il presidente del Consiglio dell’UE deplora il comportamento nel caso “SofaGate”

Dopo pesanti critiche a “SofaGate”, il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel ha espresso il suo rammarico per il suo comportamento in una riunione dei leader dell’Unione europea con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan martedì. “Se è possibile, tornerò a sistemarlo”, ha detto Michel a diversi media commerciali europei, tra cui l’italiano “Sole 24 Ore” e il tedesco “Handelsblatt” (edizioni del sabato).

“Le assicuro che non ho dormito bene la notte dall’incidente e che ho rimesso in testa il film decine di volte. Mi prenderò la mia parte di responsabilità”, ha detto il presidente dell’Unione europea, che ha parlato alla riunione. Nel palazzo presidenziale in Turchia, senza esitazione, la poltrona accanto a Erdogan, e così ignorato il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, davanti alle telecamere. Non c’erano poltrone disponibili per von der Leyen, quindi dovette sedersi su un divano a una certa distanza da Erdogan e Michel.

“Avevo pochi secondi per decidere quale posizione prendere. Avevo l’impressione che la possibile reazione avrebbe sollevato interrogativi sul lungo lavoro diplomatico prima della nostra visita. Inoltre, non volevo assumere un atteggiamento paterno nei confronti della signora von der Leyen, “così è Michelle ora. Tuttavia, rispetta le altre opinioni e comprende le critiche al suo comportamento, così è Michelle. “Mi dispiace molto. Ho già espresso il mio dolore a von der Leyen ea tutte le donne.”

Purtroppo l’incidente ha contribuito a far perdere l’essenza dell’incontro con il presidente Erdoan, che ha espresso il suo rammarico al presidente del Consiglio dell’Unione europea. “Negli ultimi mesi eravamo molto preoccupati per le tensioni nel Mediterraneo. Avevamo paura di essere sull’orlo di un grave incidente. Lo scopo della visita ad Ankara era quello di riprendere il dialogo positivo con la Turchia, ei contenuti del l’incontro sarebbe tornato. “Michel ha detto:” Stato di diritto, modernizzazione dell’unione. Dogane, cooperazione economica e stabilità regionale “.

Michel non ha voluto appoggiare la scelta delle parole del premier italiano Mario Draghi, che ha definito Erdogan un “dittatore”, ma ha sottolineato che l’Unione Europea si aspetta “progressi nel campo dei diritti umani e delle libertà fondamentali”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio