Guai e miseria: una melodia di pietà per il successo e le sue origini | Giornale The Sunday

Guai e miseria: una melodia di pietà per il successo e le sue origini |  Giornale The Sunday

Il cantante, musicista e compositore, a cui risale la melodia, era una delle star più famose del suo tempo, ed era ammirato e apprezzato in tutta Europa: si chiamava Heinrich Isaac (1450-1517 circa), ed era originario dei Paesi Bassi. Ha lavorato in Francia, Tirolo, Sassonia, Parigi, Firenze e Vienna. Ha scritto messe e spettacoli per le incoronazioni del Reichstag e del Papa, e ha scritto canzoni in tedesco, francese e italiano.

La melodia di un inno aveva una storia di trasmissione piuttosto complessa. Ma all’inizio ci fu un addio secolare e una canzone d’amore: la canzone di Isaac “Insprugk, I Should Leave You”. In esso, il cantante purtroppo saluta “Buhle” (il suo amante) perché è costretto a lasciare Innsbruck e ad andare in “miseria” (cioè uno sconosciuto fuori).

Isaac era un cantante alla corte del duca Sigmund di Tirol, Innsbruck. Nel 1485 Isacco, reclutato da Lorenzo de Medici, si trasferì nella prospera Firenze. C’era un cantante nella diocesi della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, poi nella Basilica della Santissima Annunziata.

Uno studente influente

Non è chiaro se abbia effettivamente scritto la canzone per l’occasione. La canzone era probabilmente originariamente chiamata “I Should Let You Come Back”. Isaac a volte era un membro della Imperial Court Orchestra. A Pisa ingaggiò il re romano tedesco e successivamente l’imperatore Massimiliano I, che lo seguì nei suoi viaggi attraverso l’Impero. L’imperatore asburgico Massimiliano, amante della musica, che governò dal 1493 al 1519, fece di Vienna la nuova capitale europea della musica. Il fatto che l’imperatore stesso abbia scritto il testo della canzone è uno dei miti che circondano la canzone; Anche l’affermazione che Isacco abbia assunto una melodia popolare alpina originale.

A Firenze Heinrich Isaac divenne “Arrigo il Tedesco”: anche gli olandesi erano considerati “Tedeschi”, i tedeschi in Italia. Quando il predicatore penitenziale Savonarola istituì il regime cristiano talebano nella città dei ricchi e belli nel 1494, il canto era temporaneo lì. Pochi mesi prima della pubblicazione dei trattati di Lutero, il 26 marzo 1517 morì Iasac, uomo ricco e rispettato a Firenze.

Monaco – la capitale della musica

Un percorso attraverso Monaco di Baviera dalle composizioni di Heinrich Isaac conduce a Lutero e ai libri di inni protestanti: Ludwig Senfel (1490-1543 circa), allievo di Isaac, raccolse e arrangiò le impostazioni musicali per il suo mentore Heinrich Isaac. I due si sono incontrati a Vienna come membri della Imperial Court Orchestra. La collezione di Senfl non fu pubblicata fino al 1555, molto tempo dopo la sua morte.

Dal 1523 fino alla fine della sua vita, Senfel fu direttore dell’Orchestra della Corte Ducale e compositore per la corte di Monaco. Martin Lutero si incontrò e si apprezzò personalmente ad Augusta nel 1518.

Amicizia seria

Senfl, potrebbe anche essere stato chiamato Senfli, era forse nativo di Basilea ed era rimasto ufficialmente fedele alla fede cattolica per tutta la vita. Tuttavia, questo non gli ha impedito di mantenere un intenso scambio con Lutero e gli altri riformatori o di accettare incarichi dai principi protestanti. La sua musica è stata suonata nei servizi della Chiesa cattolica e protestante.

Il riformatore ha indicato che la sua amicizia con Lutero poteva rappresentare un pericolo per Senfl in una lettera che scrisse al compositore di Monaco da Veste Coburg nel 1530. Lutero attese il prima possibile di ciò che stava accadendo nell’allora castello sassone per vedere cosa stava succedendo ad Augusta nel Reichstag. Là ha fornito il riconoscimento protestante all’imperatore. Lutero ha scritto a Senfel che l’amore per la musica “mi ha anche dato la speranza che la mia lettera non ti avrebbe portato alcun pericolo”, e lodo vivamente i duchi di Baviera, anche se non sono inclini a me, e li rispetto. Sono tenuti al di sopra degli altri perché promuovono la musica e la coltivano molto ”. Anche allora, le persone a Monaco erano decisamente ostili ai protestanti.

Musica contro divisione

Per l’umanista Ludwig Senfel, la musica era soprattutto conflitti settari e secolari. Con l’apprezzamento da entrambi i campi, ha cercato di contribuire musicalmente qualcosa alla risoluzione pacifica del conflitto religioso. Nel 1530 scrisse una tutela al Reichstag di Augusta come monito di pace per le proprietà imperiali. Il suo tema è il verso del salmo: “Ecce quam bonum – guarda com’è bello e meraviglioso quando i fratelli vivono insieme in armonia!” (133, 1)

La depressione di Lutero

Luther scrisse a Ludwig Senfel durante una delle sue fasi depressive: “Il mondo mi odia e non mi ama, e al contrario, sono stanco del mondo e sono stanco di esso”, ha detto al residente di Monaco. Gli ha chiesto una configurazione polifonica basata sulla sua voce
Dovrebbe suonare come: “Sulle orme dell’idipsum – mi sdraio e dormo in pace”. Lutero cercò conforto anche nella musica e Senfel accettò il suo desiderio. Ma ha inviato un altro pezzo dal titolo “Non moriar, sed vivam – non morirò, vivrò”. Il testo incoraggiante è stato scelto apposta dal Salmo 118. Lutero ha scritto di lui: “È un salmo che amo, perché (…) mi ha aiutato a superare alcune grandi difficoltà”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio