Gli archeologi di Pompei scoprono una boa romana

Gli archeologi di Pompei scoprono una boa romana

Negli ultimi anni, gli scavi in ​​un antico sobborgo di Pompei hanno più volte portato alla luce interessanti manufatti. Gli archeologi hanno ora scoperto per la prima volta un carro cerimoniale riccamente decorato – una scoperta unica ancora in Italia. La boa a quattro ruote era per una o due persone e avrebbe potuto essere utilizzata per le processioni nuziali – e la natura drammatica della sua decorazione parla di questo.

Le antiche città di Pompei ed Ercolano furono sepolte sotto cenere, lava e valanghe incandescenti nel 79 quando il Vesuvio eruttò. Protette da strati spessi un metro di questo materiale vulcanico, testimonianze uniche del mondo antico sono state conservate per migliaia di anni. Oltre agli edifici con affreschi ben conservati e ai resti di molti residenti che sono rimasti sorpresi quando sono fuggiti, gli archeologi di Pompei hanno già recuperato innumerevoli oggetti di uso quotidiano di quel tempo.

Trolley a quattro ruote con ricchi motivi

Negli ultimi anni gli scavi a Pompei si sono concentrati sulla Civita Giuliana, una villa romana con annessi che un tempo sorgeva nella periferia nord della città. Qui i ricercatori del Parco Archeologico di Pompei hanno ora fatto una scoperta speciale: nel cortile anteriore della vecchia stalla, hanno trovato i resti di un carro in uno strato di materiale vulcanico spesso un metro. Come per miracolo, l’auto a quattro ruote con ruote in ferro è sopravvissuta indenne al crollo delle pareti e del tetto di questo cortile. Il materiale vulcanico microscopico ha preservato sia la sottostruttura e il timone del carro, sia la lavorazione del legno.

Dopo che gli archeologi hanno rimosso con cura il carro dal materiale vulcanico circostante, sono comparsi molti motivi decorativi. Le pareti laterali del carro sono realizzate con pannelli di legno rosso e nero e sono ricoperte da lastre di bronzo inciso. Medaglie in peltro incastonate nel bronzo, che mostrano un Cupido alato durante varie attività, hanno riferito gli archeologi. La parete di fondo del carro ha tre parti ed è riccamente decorata. Tra l’altro, indossava numerosi medaglioni in bronzo e brevi con incisioni figurative. Rappresentano uomini e donne in pose sexy e scene con satire e ninfe decorano medaglie sul muro di fondo dell’allenatore.

Unico in tutta Italia

“Quello che abbiamo qui è un carro cerimoniale, e Pelantum potrebbe essere stato menzionato in diverse fonti. Non era destinato all’uso quotidiano o per il trasporto di merci agricole, ma era utilizzato per cerimonie, sfilate e processioni”, spiega Massimo Osana, direttore di Parco Archeologico di Pompei. “Questa è una scoperta straordinaria e un importante progresso nella nostra conoscenza del mondo antico. Perché a Pompei sono stati trovati veicoli di trasporto giornalieri prima, ma niente è stato trovato come questo da Civita Giuliana.”

Medaglia
Primo piano di un medaglione con una vista spettacolare. (Foto: Parco Archeologico di Pompei)

La scoperta della boa della festa romana è unica in tutta Italia. Secondo Osana, il ritrovamento è paragonabile ai galleggianti scoperti 15 anni fa nei tumuli funerari della Tracia. Ma anche questi reperti provenienti dalla Grecia settentrionale non sono così ricchi di decorazioni come il carro cerimoniale ora scoperto a Pompei. La posizione del carro in un cortile appartenente alla stalla della villa e il precedente ritrovamento di un cavallo ancora dotato di briglia in questa stalla potrebbero indicare che il carro era ancora in uso poco prima dell’eruzione vulcanica o che si trovava in utilizzare pronto per una missione.

Carro per antiche processioni nuziali?

Visti gli interessanti motivi sui medaglioni ornamentali della boa, Osana e il suo team sospettano che questa carrozza possa essere stata utilizzata nei cortei nuziali: “Se si tiene conto che, secondo fonti antiche, il Pilaismo era utilizzato da sacerdotesse e donne, allora questo potrebbe essere Un carro veniva usato per le celebrazioni legate ai matrimoni “, ipotizza Osana. “Forse la sposa è andata nella sua nuova casa con lei.”

I ricercatori sperano di ottenere maggiori informazioni su questo argomento da altri scavi nella villa, ma anche da indagini più dettagliate sul carro. Fu portato nel Parco Archeologico del Parco di Pompei, dove i restauratori rimuovono gli ultimi accumuli di materiale vulcanico e documentano e ripristinano le decorazioni. Il ministro della Cultura italiano Dario Franceschini ha commentato l’attuale scoperta: “Pompeo non smette mai di sorprenderci con le sue scoperte”. “Questa è una scoperta di grande interesse scientifico”. Quasi mai, poiché i tunnel della rapina portano direttamente dietro il carro. È scampato per un pelo al saccheggio.

(Video: Parco Archeologico di Pompei)

Quelle: Siti di Pompei – Parco Archeologico di Pompei

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio