Equilibrio: perché cadiamo ancora e ancora

Equilibrio: perché cadiamo ancora e ancora
La relazione tra sé e l’equilibrio

Gli studi lo dimostranoAnsia, depressione, schizofrenia e altre malattie mentali compromettono la capacità di equilibrio, sia quando si cammina che in piedi.

Dice che ci sono molte possibili ragioni per questo Ron Feldman Dall’Università di Tel Aviv. Le persone depresse tendono a chinarsi e spesso si muovono più lentamente. Se vacillano, c’è un rischio maggiore che eseguano i movimenti compensatori necessari molto lentamente. La postura sbalorditiva fa spesso parte del quadro clinico della schizofrenia, il che rende difficile per le persone mettere in relazione gli stimoli visivi con altri componenti del sistema di equilibrio. La paura di cadere può paradossalmente influenzare l’atteggiamento di chi soffre di ansia in un modo che rende più probabile la caduta.

Tuttavia, questa conoscenza non si è ancora riflessa negli attuali metodi diagnostici o terapeutici. “In caso di malattia mentale, le componenti fisiche non vengono prese in considerazione”, afferma Feldman. Questa è un’opportunità persa. Perché il rapporto tra equilibrio e salute mentale può essere utilizzato in modo positivo: l’allenamento dell’equilibrio fisico può giovare anche alla salute mentale.

Lo dobbiamo alla nostra capacità di rispondere rapidamente alle diverse situazioni del nostro cervello. Fa previsioni basate sull’esperienza passata. Alcuni neuroscienziati lo presumonoChe questi processi avvengano nel cervelletto. È collegato in rete con altre regioni del cervello, ad esempio con la corteccia motoria che controlla i nostri movimenti. Le informazioni vengono inviate avanti e indietro in cicli chiusi. Il cervelletto agisce come una sorta di filiale che elabora le informazioni molto rapidamente e supporta tutti gli altri processi, afferma lo scienziato cognitivo Jessica Bernard Dall’Università del Texas: “Tu mandi le cose lì per elaborarle in modo più efficiente”. Anche il cervelletto invia informazioni e ci aiuta ad adattare il nostro comportamento.

Incredibile nella vita

È noto da tempo che il cervelletto svolge un ruolo nel controllo del movimento. Recenti ricerche hanno ora dimostrato che svolge anche un ruolo nella regolazione dei nostri pensieri ed emozioni. Questo può spiegare perché alcune malattie mentali sono associate a disturbi dell’equilibrio (vedi “La relazione tra il sé e l’equilibrio”). Può anche spiegare perché le persone che sono chiamate a svolgere un compito che richiede una grande conoscenza non riescono a bilanciarsi anche loro. D’altra parte, coloro che prestano attenzione all’equilibrio in tali studi hanno prestazioni peggiori nel compito cognitivo. Le immagini linguistiche che molte persone usano per descrivere i loro sentimenti, come “Sono emotivamente stabile” o “I miei sentimenti sono sbilanciati”, sono certamente vere.

Quando gli umani sono diventati due uomini

Fino ad ora, si pensava che i primi esseri umani si fossero mossi come gorilla nell’andatura della caviglia per molto tempo. Tuttavia, afferma un’ipotesi più recenteSiamo saliti su due gambe molto prima: quando i nostri antenati vivevano ancora sugli alberi. Di conseguenza, gli abitanti degli alberi hanno iniziato a trascorrere più tempo in piedi circa 15 milioni di anni fa, tenendo prima i rami con le mani e gradualmente bilanciandosi da soli. Secondo uno studio del 2017 Basta toccare un ramo in movimento con la punta delle dita. Questo invia un segnale sensoriale al cervello che aiuta le persone a mantenere l’equilibrio. Quindi imparare a bilanciare è una parte essenziale di ciò che rende le persone oggi.

Camminare non sembra essere un problema per la maggior parte delle persone. Ma quando ha dato un’occhiata più da vicino, Srinivasan è rimasto sbalordito. Lui e il suo collega Yang Wang |Chi sta anche facendo ricerche presso la Ohio State University, Aveva segni riflettenti sui fianchi, sulle caviglie e sui piedi dei volontari. Con l’aiuto di una telecamera a infrarossi, hanno seguito i movimenti delle persone mentre camminavano sul tapis roulant. In questo modo, hanno scoperto che anche camminare su una superficie piana è essenzialmente come inginocchiarsi mentre si è ubriachi o inciampare dopo un urto inaspettato. Immagina di camminare in avanti e di essere spinto a destra. “Puoi intuitivamente bilanciarti a destra con la gamba e quindi esercitare una forza diretta a sinistra”, dice Srinivasan.

Ogni fase è un processo in cui continuiamo ad essere diritti mentre i nostri corpi si muovono avanti e indietro. Di solito non sembriamo fantastici. Questo perché il cervelletto lavora con i nervi ei muscoli, apportando una leggera correzione a metà di ogni passo. Srinivasan e il suo team mostrano come ciò avvenga: il cervello controlla la posizione del bacino e fa sì che le gambe si adattino di conseguenza. Secondo Srinivasan, non stiamo andando dove vogliamo, ma “nella direzione che vogliamo”.

“Non andiamo dove vogliamo, ma nella direzione in cui cadiamo”.
(Manoj Srinivasan, The Ohio State University)

Poiché il sistema di equilibrio umano è costituito da molte parti interconnesse, può anche essere disturbato in diversi modi. Un pavimento irregolare, problemi di equilibrio, muscoli deboli o alta velocità possono rendere difficile rimanere eretti. Gravidanza, malattie o lesioni, specialmente quelle che colpiscono le gambe, possono influenzare il sistema al punto che è più probabile una caduta. Infiammazione solitamente associata a obesità, stress, lesioni o infezioni. Può influenzare il nostro equilibrio e quindi cambiare la nostra andatura. Ciò può anche aumentare il rischio di caduta.

I giovani perdono l’equilibrio

Chiedere alle persone di stare su una gamba sola con gli occhi aperti o chiusi denota la capacità di mantenere l’equilibrio Si allontana già all’età di vent’anni. Nella mezza età aumenta la probabilità di gravi cadute. Ma a prescindere, le persone cadono sempre di più. L’analisi ha mostrato i dati raccolti tra il 1999 e il 2007Quella caduta fatale nelle persone di età compresa tra 45 e 64 anni negli Stati Uniti è aumentata del 44%. Questo aumento spinge gli scienziati a scoprire i componenti del complesso sistema che ha fatto il passo qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio