Don Ciotti è il chierico italiano “più a rischio” | DOMRADIO.DE

Don Ciotti è il chierico italiano “più a rischio” |  DOMRADIO.DE

Luigi Ciotti, noto anche come “Don” Ciotti, è un prete italiano e un eminente antagonista della mafia. Inoltre è considerato il chierico “più famoso” e “più a rischio” in Italia. Lo ha incontrato la giornalista Dorit Deutsch.

DOMRADIO.DE: Luigi Ciotti è il “più famoso” e “più a rischio” (secondo Thomas Meg: cappuccino solo su appuntamento. In: Schwäbische Zeitung, 22 novembre 2014, nota a destra) un religioso italiano. Dove hai scelto di incontrarti?

Dorit Deutsch (giornalista e pubblicista): L’ho conosciuto a Torino. Questa è in realtà la sua residenza principale. Ma penso che sia in viaggio tutto l’anno e nessuno sa davvero dove vive.

Ha il suo studio a Torino. Immaginate che si trovi alla periferia della città, in una fabbrica Fiat abbandonata, abbandonata dall’ex boss Fiat Giovanni Agnelli Don Luigi. Ci sono scrivanie in fondo. Ci sono anche corsi per donne immigrate lì, ad esempio, e c’è un negozio con i prodotti di Libera Terra, e ne parleremo più avanti.

Ma gli uffici si trovano attualmente al piano superiore. Devo dire che è stato molto emozionante per me perché non avevo mai incontrato qualcuno prima, e di certo non un religioso, erano sotto la protezione della polizia 24 ore al giorno.

DOMRADIO.DE: Ciò significa che alla riunione era presente anche la polizia?

Tedesco: La polizia era nella stanza accanto. Ovviamente indossano anche abiti civili. Ma devo dire che sono stato davvero toccato da questa sensazione. Gli ho anche chiesto: che aspetto ha quando devi sempre convivere con la protezione della polizia? Poi ha detto: Sì, è sempre preoccupato per la vita dei suoi compagni.

DOMRADIO.DE: Ma lui sta dietro a quello che fa. Cosa distingue quello che fa?

Tedesco: La cosa notevole è che ha detto nel suo ex club negli anni ’80 e ’90, quando la mafia ha effettuato un gran numero di attacchi, che questo non poteva continuare. Non solo la società italiana stava tremando in quel momento, ma era necessaria anche una risposta sociale. Ed è così che è nata la Società Libera. Libera letteralmente significa libero.

Il bello di Libera è che si trova in ogni città. Ad esempio, ci sono gruppi che vanno nelle scuole e istruiscono le persone non solo su ciò che fa la mafia, ma anche sui diritti civili, sulla responsabilità civica. In alcuni casi, questo inizia effettivamente nei bambini di età compresa tra 10 e 12 anni. Ero lì ed è molto toccante.

Quello che mi piace di più è che in Italia c’è un movimento civile molto grande. Non solo i singoli sono iscritti a Libera, ma anche i sindacati, la Conferenza episcopale italiana, ci sono le scuole, e quindi tutto lo spettro della partecipazione civica.

DOMRADIO.DE: Luigi Ciotti ha ora 75 anni. Combatte la mafia da molto tempo. Come è iniziato per lui?

Tedesco: Tutto è iniziato per lui con il fatto che voleva risvegliare la società. Ci riuscì grazie a questa vasta istituzione nella società italiana. I gruppi Libera si trovano ormai in ogni città.

La nostra intervista è ora completamente corretta, perché l’inizio della primavera il 21 marzo è la Giornata Nazionale del Ricordo delle Vittime Innocenti della Mafia. Sabato a Genova, dove vivo, ci sarà una lettura di Vittime di mafia. Anch’io ci sono.

È davvero impressionante quanto sia popolare. Ora ci sono anche osservatori in ogni città, spesso in collaborazione con l’università. Stai solo guardando cosa sta combinando la mafia. Lì puoi anche vedere dove attecchirà di nuovo. Il più delle volte, le associazioni di stampo mafioso dei comuni si aggiudicano gare per lo smaltimento dei rifiuti.

DOMRADIO.DE: La Libera offre anche agriturismi in case un tempo di proprietà dei mafiosi. Perché questo è un passo avanti nella lotta alla mafia di cui don Ciotti può essere orgoglioso.

Tedesco: In Italia esiste una legge dall’inizio degli anni ’90. Libera ha anche contribuito a questo chiedendo che, ad esempio, le case e il denaro contante, nonché gli immobili di proprietà di mafiosi condannati, potessero essere utilizzati per scopi sociali. Ciò significa che devono essere applicati diversi gruppi. Anche Libera. C’è un ricovero per donne a Torino, per esempio. Ci sono asili e ci sono case per anziani.

E in Sicilia, tra tutte le località di Corleone, città natale di un leader mafioso scomparso, sono già riusciti a creare un agriturismo biologico e un agriturismo. Si dice che il boss mafioso si sia ribellato nella sua cella. Questo è ovviamente uno schiaffo molto chiaro alla mafia, ed è molto visibile nella società.

Questo toglie anche il potere alla mafia. Perché se non può pagare il salario dei suoi mercenari, ovviamente anche il suo potere diminuirà.

Intervistato da Dagmar Peters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio