Come il nostro cervello elabora la scrittura

Come il nostro cervello elabora la scrittura

La sfida di leggere la scrittura è evolutiva così piccola che alcune aree del cervello non possono essere sviluppate. Ma come riconoscere la regolarità nelle combinazioni di lettere e ricavarne un significato? Un nuovo studio mostra che la base di questo è un antico meccanismo evolutivo, che si basa sul fatto che riconosciamo schemi ripetitivi e li consideriamo noti. Nell’esperimento, non c’era differenza se si trattava di caratteri simili a lettere, strutture geometriche o forme di griglia diverse.

La lettura è un compito noioso per il cervello: deve riconoscere le forme come lettere che, in certe combinazioni, rappresentano suoni specifici e hanno un senso. Le prime lingue umane scritte si sono sviluppate solo circa 5.000 anni fa. Ma in termini di storia evolutiva, questo periodo è troppo breve perché il nostro cervello sia in grado di adattarsi specificamente alla nuova sfida. A differenza del tatto o dell’olfatto, ad esempio, non esiste un centro di lettura appositamente sviluppato nel cervello. Quindi sembra che stia usando meccanismi obsoleti.

Le parole sono fatte di forme

Un team guidato da Yamil Vidal della Scuola Internazionale di Studi Avanzati (SISSA) in Italia ha studiato i meccanismi coinvolti. Per fare ciò, i ricercatori hanno testato i loro soggetti per vedere quanto bene percepissero schemi ripetuti nelle combinazioni di lettere, un’abilità essenziale durante la lettura. In contrasto con gli studi classici, Vidal e colleghi non solo usavano lettere simili a lettere come stimoli, ma anche strutture che non avevano molto in comune con le lettere. Il presupposto alla base: “Se la lettura si basa su meccanismi visivi generali, alcuni degli effetti che si verificano quando incontriamo caratteri dettanti devono verificarsi anche quando siamo esposti a stimoli non ortografici”, dicono i ricercatori. “E questo è esattamente ciò che questo studio ha mostrato”.

Per l’indagine, i soggetti del test devono prima acquisire familiarità con brevi “parole”, ciascuna composta da tre lettere simili a lettere. Per evitare che i partecipanti fossero influenzati dalle loro conoscenze precedenti, i personaggi erano simili alla scrittura, ma non significativi. Nella fase successiva, i partecipanti hanno visto combinazioni nuove e conosciute di questi pseudonimi e gli è stato chiesto di identificare quali parole sono “corrette” e quali “sbagliate”. “Abbiamo scoperto che i partecipanti hanno imparato a riconoscere le parole in questo linguaggio artificiale dal numero di volte in cui certe parti si sono incontrate: le parole composte da coppie più comuni di pseudo-lettere erano più facili da riconoscere”, hanno detto gli autori.

Hanno ripetuto lo stesso esperimento con oggetti tridimensionali con tre braccia, ciascuna con le estremità sagomate in modo diverso, simili alle tre “lettere” del primo esperimento. In un altro test, i ricercatori hanno utilizzato diverse forme di mesh che differivano per distanza, spessore, contrasto e inclinazione delle linee della griglia. Da una prova all’altra, gli stimoli sono diventati più astratti e diversi dalle lettere reali. Tuttavia, anche in questi esperimenti, i soggetti del test sono stati in grado di distinguere tra stimoli appropriati e inappropriati.

Regolarità nelle parole e nei volti

Gli autori spiegano: “Ciò che è emerso da questo studio non solo supporta la nostra ipotesi, ma ci dice anche di più sul modo in cui apprendiamo. Si suggerisce che una parte fondamentale di questo è il riconoscimento della regolarità statistica negli stimoli visivi che percepiamo intorno noi.” Di conseguenza, osserviamo ciò che ci circonda, lo dividiamo inconsciamente in elementi e analizziamo intuitivamente la loro frequenza. Il giro fusiforme sinistro, che fa parte della corteccia cerebrale, è responsabile di questo nel cervello.

Studi precedenti hanno dimostrato che quest’area è attiva nella lettura e nel riconoscimento di oggetti, in particolare volti. Secondo i ricercatori, questa antica capacità evolutiva viene “riciclata” man mano che le persone diventano in grado di leggere. In tutti i casi, è necessario riconoscere la regolarità e dargli un significato. In breve, c’è un atteggiamento adattivo nei confronti degli stimoli che si verificano regolarmente. I ricercatori hanno affermato che questa scoperta è importante non solo per capire come funziona il nostro cervello, ma anche per migliorare i sistemi di intelligenza artificiale che basano il loro apprendimento sugli stessi principi statistici.

Coyle: Yamil Vidal (International School of Advanced Studies, Italia), Current Biology, Doi: 10.1016 / j.cub.2020.12.017

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio