Come è scomparsa la Libia italiana

Come è scomparsa la Libia italiana

A 50 anni dalla sua espulsione, Giovanni Spinelli si circonda nella sua antica patria. L’ottantanovenne ha realizzato un poster con immagini a colori dei più importanti edifici coloniali italiani a Tripoli: Banco di Roma, Cattedrale di Santa Maria degli Angeli e Fontana della Gazelle; Pietra chiara, stile imperiale romano con elementi orientali. Il collage mostra lo splendore dell’era coloniale, che Spinelli potrebbe non essere in grado di vivere personalmente, poiché gran parte della capitale libica è stata distrutta o erosa oggi, e c’è una guerra civile a Tripoli.

Giovanni Spinelli siede a Roma alla sua scrivania nel seminterrato della farmacia con la quale ha ricominciato nel 1970 dopo essere stato licenziato. Si trova nel quartiere romano di Trastevere. Dall’alto si sentono le voci del figlio Maurizio, che ha rilevato la farmacia, del personale e dei clienti. Davanti a Spinelli c’è la sua autobiografia: “Farmacista per caso” è il titolo. Spinelli era in realtà il proprietario di un fiorente negozio di foto a Tripoli. Cinque dipendenti, ottimi contatti con rivenditori specializzati in Italia. “Stavo andando verso la ricchezza”, dice.

Spinelli parla con franchezza e cordialità, con frasi chiare e in un ottimo inglese agli italiani. Ha imparato la lingua lavorando come contabile in Libia per l’esercito britannico, poi per la società americana Mobil Oil. Dopo il colpo di stato “Ufficiali liberi” del 1969, il loro leader, Muammar Gheddafi, decise di sequestrare 20mila italiani rimasti dopo il periodo coloniale e impedire loro di entrare in Libia. “Avevo un amico in banca che mi ha dato una mancia. In questo modo posso almeno risparmiare un po ‘di soldi dalla confisca”, dice Spinelli.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio