Cinema contro populismo: i classici del cinema italiano | Film | DW

Cinema contro populismo: i classici del cinema italiano |  Film |  DW

“Il privato è politico” era il motto del Festival di Berlino del 2019. Questo slogan riassume anche tre film italiani ora nuovamente disponibili in DVD che tutti osano trovare un equilibrio tra privato e politico.

“Quando oggi vediamo che nazionalisti e populisti in Italia e altrove stanno tornando ad essere socialmente accettabili o addirittura in grado di conquistare la maggioranza in termini vuoti e senza soluzioni, guardare indietro a quei giorni in cui sono riusciti a sbarazzarsene non può far loro del male. ”, Ha scritto il giornalista cinematografico svizzero Walter Rogel nel manuale di accompagnamento del DVD con i film dei registi italiani Paolo e Vittorio Taviani.

Hanno scritto e diretto i loro film in modo quasi comprensivo

Paolo e Vittorio Taviani sono due dei fratelli più famosi della storia del cinema. Spesso nei loro film guardavano indietro, ma avevano anche in mente un commento sull’attuale politica italiana.

Il suo lavoro ha vinto numerosi premi, ha vinto la Palma d’Oro a Cannes (per il film Padre Padrone), e ha vinto il Leone d’Oro a Venezia per il suo lavoro nella sua vita, e nel 2012, ha vinto l’Orso d’Oro alla Berlinale per la sua straordinaria film Caesar Must Die.

Il direttore di Euromaxx Paolo Taviani e Vittorio Taviani

Paolo Tavewani (nato nel 1931) e suo fratello Vittorio (nato nel 1929-2018) scomparso nel 2018

I Tafianni si dedicarono ripetutamente nei loro film alla storia del loro paese, in particolare l’Italia sotto il regime fascista. Nel loro ultimo film congiunto si sono nuovamente dedicati a questo argomento: “Una questione privata” (A Private Matter, 2017). Hanno iniziato a girare insieme, ma Paulo ha dovuto finire il film da solo perché suo fratello maggiore è rimasto ferito in un incidente d’auto. Vittorio è morto nel 2018. La prima mondiale del film è avvenuta pochi mesi fa al Film Festival di Toronto, in Canada.

Paolo Taviani: “L’antifascismo torna argomento di attualità”

“Una questione privata” può essere considerata l’eredità della famiglia Tafiannese. Il DVD di quattro film di due autori e registi è di particolare interesse per i telespettatori tedeschi perché “Una questione privata” non è mai stato proiettato nelle sale cinematografiche di questo paese.

Fratelli Taviani: A Private Matter / Una questione privata

Milton (Luca Marinelli) nota Fulvia (Valentina Pele) e il suo amico Giorgio (Lorenzo Richelme)

Paolo Taviani ha detto: “L’antifascismo è tornato come tema del giorno”, alla luce dell’attuale situazione politica nella sua patria, mentre il ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini sta attualmente aggiustando bruscamente le coordinate politiche a destra. Anzi, non dovevano più dedicarsi a combattere la legge nel cinema, come dice Paolo Taviani: “Ma ora io e mio fratello Vittorio abbiamo sentito l’urgente bisogno di parlare di rivoluzionari e di resistenza”.

Politico e privato misto a Taviannis

Una questione privata racconta la storia del giovane Milton che combatté contro i fascisti italiani negli ultimi anni della guerra nelle Alpi. I gruppi di partito sono frammentati, il terreno è impraticabile e nessuno sa veramente come si svilupperà la situazione. Inoltre, il giovane aveva bisogno di amore. I ricordi di Milton sono dominati dalla ragazzina Fulvia, la ragazza di cui si è innamorato poco prima dello scoppio dei combattimenti.

Filmstills vom Film una questione privata

Il film manipola anche i ricordi di Milton: “Una questione privata”

Ma a quanto pare Fulvia è stata anche collegata all’amico Milton Giorgio, che ha gettato Milton in un pasticcio emotivo. Giorgio combatte anche contro i fascisti, in un altro gruppo partigiano: Lo Speciale è Politica – i due ambiti sono inscindibili in questo film sorprendentemente bello proiettato.

Lustrascarpe di Vittorio de Sica

I Taviani trovarono la loro strada nel cinema dopo aver visto la nuova opera realistica pionieristica di Roberto Rossellini “Paisa” nel 1946, che fu proiettata nell’Italia occupata dai tedeschi e fu uno dei primi film neorealistici a cambiare il mondo del cinema dopo la fine del il secondo mondo. guerra. Una sorta di montaggio cinematografico germogliato dall’Italia dell’epoca, che sapeva sbarazzarsi delle catene della pubblicità cinematografica nazionale guardando a realtà disincarnate.

Pellicola lucida per scarpe di Vittorio de Sica 1946

Giovane calzolaio per le strade di Roma: Vittorio de Cecas “lustrascarpe”

Insieme a Roberto Rossellini e Luccino Visconti, il regista italiano Vittorio De Sica è stato uno dei principali esponenti del neorealismo. Il suo “Ladri di biciclette” rimane uno dei migliori film di tutti i tempi e ha vinto un Oscar, un Golden Globe e un premio al Festival di Locarno.

Uno sguardo critico alla difficile realtà del dopoguerra in Italia

Il film che De Sica ha diretto poco prima di “I ladri di biciclette” è oggi meno conosciuto, sebbene abbia vinto anche un Oscar. “Schuhputzer” (1946) è ora di nuovo disponibile anche su DVD. È la commovente storia dei due fratelli Giuseppe e Franco, che vivono a Roma dopo aver liberato gli americani dal lavoro per le strade: stavano principalmente lucidando le scarpe dei soldati americani.

La maggior parte degli eventi si svolge poi in un grande carcere minorile. I due vengono molestati da guardie sadiche. “Schuhputzer” è una storia ancora toccante di difficoltà, oppressione e arbitrarietà. Una visione realistica del mondo lontano dalla realtà del cinema italiano del cinema populista e fascista.

Filmati del partner cinematografico Von Bernardo Bertolucci

Bertolucci lascia all’oscuro i suoi eroi (e il pubblico): “Shrek”

Il defunto regista Bernardo Bertolucci ha scelto uno stile completamente diverso dalla resistenza cinematografica nel 1968, anno del cambiamento radicale, per il suo lavoro Shrek. Conosciuto alla maggior parte dei fan del cinema come il creatore di grandi epopee come “1900” e “L’ultimo imperatore”, nonché lo scandaloso successo “L’ultimo tango a Parigi”, Bertolucci inizialmente scelse un percorso estetico completamente diverso nella fase iniziale del suo carriera.

Nei suoi primi film, il proclamato marxista presentava sullo schermo una visione del mondo che non aveva nulla a che fare con le divertenti epopee dei suoi successivi grandi successi.

Con “The Partner” Bertolucci ha voluto violare le abitudini di visione popolare

La cosa più estrema è accaduta nel 1968 nel film “Partner”. Oggi il film può essere inteso come espressione del cinema dell’epoca, che voleva eludere la definizione di qualsiasi pubblico. Basato sul romanzo di Dostoyevsky “The Double” e fortemente orientato al suo modello cinematografico Jean-Luc Godard dell’epoca, Bertolucci “racconta” di un giovane che commette un omicidio, dà alla luce un vampiro e diffonde slogan politici.

In “partner” si parla a malapena di un atto comprensibile. Successivamente, il regista ha preso le distanze dal suo film: “The Shrek” è stata un’esperienza che stiamo vivendo come una malattia, un film completamente nevrotico, malato e schizofrenico “.

Filmati del partner cinematografico Von Bernardo Bertolucci

“Il partner” è particolarmente avvincente oggi con le sue molte forme magiche

Anche se oggi è difficile rintracciare le tracce del “partner” in termini di contenuto e forma, il film è un documento tipico dell’epoca: radicale nel suo modo di pensare e di raccontare, confuso nella sua struttura, ma anche frequentemente con visuali sorprendenti e inebrianti. È il primo lavoro di un regista che in seguito si è trasformato in un altro spazio cinematografico, che, nonostante le concessioni fatte al cinema commerciale, non è mai stato una cosa: il populismo.

Il Fondo Taviani è stato lanciato anche con i film “Padre Padrone”, “La notte di San Lorenzo”, “Kaos” e “Und questiona privata” della società “Trigon-Film” oltre al film “Partner” di Bernardo . Bertolucci. “Schuhputzer” di Vittorio de Sica è disponibile in DVD dal provider “Pidax Film”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio