La Flak Tower a Wilhelmsburg fu costruita come strumento di guerra durante l’era nazista. Oggi produce riscaldamento locale ed elettricità rispettosa del clima per l’isola d’Elba. FINK.HAMBURG racconta la storia di Energy’s Bunker.

Dopo aver sentito la parola “bunker”, molti hamburger inizialmente pensarono al blocco grigio su Feldstraße. Tuttavia, c’è un secondo ex bunker antimissile – a sud del fiume Elba a Wilhelmsburg. Il bunker è stato costruito durante la seconda guerra mondiale e fungeva da protezione contro gli attacchi aerei e la difesa aerea.

Dopo la guerra, gli Alleati lo resero inoffensivo. Il seminterrato è rimasto inutilizzato per molto tempo, fino a pochi anni fa. Le rovine della guerra a Wilhelmsburg hanno subito molti cambiamenti. Il memoriale è diventato una centrale elettrica ecologica con una visione per il futuro. Un viaggio nel tempo – Dalla seconda guerra mondiale ai giorni nostri.

Articolo precedente“Questa inerzia mi fa paura.”
Articolo successivoBunker energetico nella seconda guerra mondiale

Lucas Rudolph, classe 1995, è un uomo paradossale: nel tempo libero preferisce ballare sulle voci di band metal come Caliban, Amon Amarth e Sibkor – o ballare rumba, flat e tango. Nonostante fosse nato in Svevia, fu attratto da Karlsruhe per studiare giornalismo multimediale con il “nemico” di Baden. Il vero patriottismo locale gli è estraneo in quanto europeo devoto. In qualità di viaggiatore Interrail, Lucas ha visitato quasi tutti i paesi del continente, ma senza nemmeno condividere una foto dei suoi viaggi su Instagram. Preferiva scrivere come giornalista freelance durante i suoi viaggi su SWR Radio, che era il suo primo lavoro dopo la laurea. Ha continuato la sua preferenza per l’Europa come giornalista e regista freelance: ha prodotto documentari sulla politica europea e ha tenuto conferenze per il centro di informazione Europe Direct. Adesso voleva ancora sapere dove ad Amburgo avrebbe potuto ballare e ballare. Abbreviazione: lur

Christina Goller, nata a Emsland nel 1996, sa tutto di birra perché ha finanziato i suoi studi a Siegen – studi sui media, letteratura, cultura e media – con tour del birrificio. Come tirocinante in una società di produzione, ha scritto sceneggiature in formato Trash TV per Sat.1. Ha prodotto video per “Hamburger Morgenpost”, incluso uno in cui ha gareggiato nella finale di “Ninja Warrior” e ha perso molto. Christina ha già installato il suo fornello da campeggio in sei continenti, manca solo l’Antartide. Nonostante questo desiderio di libertà, Cristina ama essere rinchiusa, ma finora ha perforato ogni stanza di fuga. Abbreviazione: cgö

Quando incontra Maximilian Kaiser, classe 1992, in treno con le cuffie, la testa e le labbra annuiscono. Ma non solo un successo, perché anche se era l’11.11. Odia il Mardi Gras. Dopo essersi diplomato al liceo, voleva davvero andare al cinema. Tuttavia, dopo aver approfondito il settore, ha deciso di studiare il media design nella sua città natale di Monaco. Ha scoperto durante gli studi il suo amore per la fotografia, preferibilmente in modo analogico e nostalgico. Dopo aver conseguito la laurea, ha viaggiato in paesi africani come il Sudan e il Ghana come junior responsabile delle pubbliche relazioni in una società di tecnologia delle telecomunicazioni. Ad Amburgo, vuole essere di nuovo più creativo – per FINK.HAMBURG ma anche soprattutto, quando esplora la città con le sue cuffie e la sua macchina fotografica. Abbreviazione: Mac

Aileen Ergen, nata nel 1996, è ossessionata dal desiderio di volare regolarmente: più lunga è la rotta, meglio è. L’Australia rimarrà una destinazione da sogno. Negli Stati Uniti ha già controllato quasi tutti gli stati. Era lì anche per l’addestramento ed è tornata con due lauree: una in radiodiffusione e l’altra in comunicazioni. Tra le altre cose, ha lavorato come graphic designer e direttrice della stazione televisiva e radiofonica dell’università ed è stata co-editrice per il giornale del campus. Se un viaggiatore con lo zaino si trova nella sua città natale di Amburgo, viene attratto dal porto ed è ispirato dalla vista delle onde. Aylin vede il suo futuro nel dipartimento PR di un’azienda manifatturiera internazionale, preferibilmente con un affare di aviazione. Ovunque finisca, l’importante è che il suo ufficio sia in ordine. Non può lavorare in disordine. Abbreviazione: erg

Nonostante Chiara Schenk, classe 1995, abbia un nome italiano, ami la cucina italiana e viaggi in Italia almeno una volta all’anno, dopo essersi diplomata a Reutlingen, sua città natale, si è trasferita nel Down Under. Inizialmente Kiara ha provato a essere un iceberg in Australia, ma come “vigile urbano” ha preferito rapidamente sorvegliare i cantieri stradali piuttosto che i bambini. Ha perso la sua ammissione al BA alla Babelsberg University Film by Mail, così l’aspirante bagnina ha saputo che si era trasferita a Berlino solo tre giorni prima dell’inizio del semestre. Poi ha trascorso le prime settimane sul divano di un’amichevole vecchia signora. In seguito dà lezioni di nuoto ai bambini a Berlino e spera che ci sarà un bisogno simile ad Amburgo. Abbreviazione: CIS