“Anche quelli che aspettavano in Italia conoscevano mio padre Denzel”

“Anche quelli che aspettavano in Italia conoscevano mio padre Denzel”

John David Washington è attualmente uno degli attori più amati di Hollywood. Ha usato l’epidemia per discutere con Gentia sull’amore, i ruoli di genere e il razzismo in una commedia per due persone chiamata “Malcolm & Mary”.

John David Washington, Grazie a “Malcolm & Mary” Stai discutendo meglio adesso?

Malcolm dice cose che io non dico mai. Ma anche Mary lo ispira. Entrambi avete buoni argomenti e siete maestri della manipolazione. Quindi, se ho assorbito qualcosa di più chiaramente attraverso il film, è proprio questo: c’è una differenza tra una risposta e un allenatore di ritorno.

Stai usando questa intuizione con successo nella tua relazione?

Sono stato solo per molto tempo ormai. Non sono abbastanza maturo per avere relazioni. Almeno adesso so cosa non mi piace. In amore puoi accettare e condividere l’onestà, ma la dignità ne fa parte.

Nel film “Malcolm & Mary”, interpreti un regista che torna a casa con la sua ragazza (Zentaya) dalla premiere di successo del suo ultimo film. Tuttavia, invece di una celebrazione, improvvisamente c’è una polemica. La relazione è discutibile, con i ruoli di genere e il razzismo discussi appassionatamente. In che modo l’esperienza hollywoodiana di Malcolm riflette la tua?

Ci sono molte lezioni che conosco da nero americano a Hollywood. Abbiamo parlato molto delle nostre esperienze e del nostro autista durante le prove prima delle riprese. È fluito nella sceneggiatura. Ma sono generalmente universalmente interessato.

Che ne dici?

Ad esempio, che Malcolm non voleva mettere in un cassetto. A chi piacerebbe? In quanto uomo di colore, non voleva dire che tipo di immagini avrebbe potuto creare. Se vuole fare un film “Lego”, non è necessario rilasciare una dichiarazione politica perché è nero. Nel mio caso questo significa: se interpreto un cowboy, devo misurarmi con una scala come Jack Gillenhall che interpreta un cowboy.

Conoscevi Gentia prima di questo?

No, non personalmente. Prima della sua serie “Euphoria” con il nostro regista di “Malcolm & Mary” Sam Levinson, non avevo idea di che brava attrice fosse. Questa immagine può mostrare quanti anni ha una donna. Ha molta più esperienza nel settore dello schermo di me. Dovevo assicurarmi di non perdere mai i contatti.



In effetti, non ti dedichi completamente alla recitazione da molto tempo. Ora stai già recitando in ruoli importanti in film importanti come “Black Clonesman”, “Denet” e “Malcolm & Mary”. Come funziona?

Non è successo tutta la notte. Ero nella serie TV “Ballers” e non ho ottenuto alcuni piccoli ruoli per i quali ho fatto il provino. Ma ovviamente, mi sento così fortunato.

Anche tuo padre Denzil Washington. Qual è stato il consiglio più importante che ti ha dato?

Dite sempre la verità nella vita in generale, ma soprattutto nel nostro lavoro, nelle prestazioni. Dai la priorità all’arte e arrenditi al personaggio. Questi suggerimenti mi hanno aiutato molto.

Quando hai capito che tuo padre era una star?

Per me è sempre stato una star. Un mago che può trasformarsi in una persona diversa sul palco. Quando ‘Malcolm X’ è arrivato al cinema ho capito che era famoso. Ho otto anni. All’improvviso avevamo bisogno di più guardie del corpo. La gente indossava magliette e cappelli di “Malcolm X”: era un movimento e mio padre era al centro di esso. Questa volta sono stato sulla spiaggia di Amalfi per la prima volta in Europa. Abbiamo mangiato la pizza e il personale lo ha riconosciuto. Non parlavano inglese, ma avevano contatti con lui. L’ho trovato molto speciale.

Ha mai voluto impedirti di recitare?

No, non lo è mai stato. È sempre stato un mio sostenitore, è un fan. Di tutti i suoi figli, non sono solo. Volevo fare l’attore all’età di cinque anni quando ho interpretato Riccardo III. Saw – un personaggio che non ha nulla a che fare con mio padre.

Ma poi sei tornato in gioco e sei diventato un giocatore di football. Perché?

Perché prima dovevo trovare la mia identità. Ho scelto il calcio perché la gente non può dire che mio padre mi abbia aperto le porte. Non contiene vitamine del gruppo B. Le ferite che ho subito in nome della libertà, le commozioni cerebrali, le costole rotte, le mestruazioni strappate e il tendine d’Achille erano tutte lì.

Hai poi tratto beneficio dalla tua esperienza di attore come atleta?

Sì, quella pelle spessa mi ha dato ciò di cui hai bisogno come attore in determinate situazioni. Se non vado a un cast e non ottengo il ruolo, posso gestirlo bene perché sono abituato a perdere nel gioco.

Quanto sei importante per te stesso?

Tanto. Non riesco a vedere le mie foto. Passo da cento a mille, escludendo la performance completa, e finalmente penso che la mia vita sia finita. Ecco perché chiedo sempre a mia madre cosa significa, perché sa esattamente se non sono onesto davanti alla telecamera.

Tuo nonno era un pastore e tuo padre un uomo divino. Come ti senti riguardo alla religione?

Prego ogni giorno e ringrazio Dio. È il motivo per cui sono qui e quello che faccio. Chiedo a Dio di fare di me un personaggio che trasmetta il messaggio del personaggio al pubblico. Che voglia o meno la mia performance: sentirà questa connessione spirituale, la mia devozione alla fede.

“Malcolm & Mary” è disponibile su Netflix.

Torna alla home page

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

CALCIO.VIDEO È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Calcio